Panneau Bourg-en-Bresse

Bourg-en-Bresse : una bella storia

Le origini di Bourg-en-Bresse risalgono al Neolitico (circa 6.500 anni a.C.), quando i primi occupanti si insediarono al punto di confluenza tra due corsi d’acqua: la Reyssouze e il Cône. Ma il sito entrerà nella storia con le invasioni celtiche.

Più tardi, i Romani fortificano il luogo, che chiamano “Burgus”, importante dal punto di vista strategico poiché alle porte della capitale delle Tre Gallie, “Lugdunum ” (Lione).

Nel X secolo, i signori di Bâgé, sovrani di Bresse, vi costruiscono una casa feudale che diventa una delle dimore dei conti di Savoia, per le nozze di Sibylle de Bâgé con il conte Amédée V nel 1272. Distrutta probabilmente all’inizio del XVII secolo, oggi è sostituita dall’antica prigione (1816).
A mezza lega da lì, un villaggio di contadini e di vasai si sviluppa nel periodo celtico, in un luogo conosciuto ai giorni nostri con il nome di Brou. Più tardi, i Romani vi edificano un tempio.
All’inizio del X secolo, il vescovo di Mâcon, Gérard, vi si insedia come eremita, santificando il luogo che vede allora erigersi le prime chiese. Così, vita civile e vita religiosa si ritrovano ben distinte nella vecchia Bourg-en-Bresse. Brou è
attualmente un quartiere famoso per il suo monastero, edificato nel XVI secolo da Margherita d’Austria , vedova di Filiberto II di Savoia.

Città crocevia e città frontiera, Bourg-en-Bresse potenzia le sue fortificazioni con la costruzione di una roccaforte nel XVI secolo, e accresce la sua notorietà grazie al commercio e alla qualità dell’artigianato (cuoio e tele). Si fabbricano monete, si fa giustizia e le costruzioni si moltiplicano: conventi, chiesa Notre-Dame, case di ricchi commercianti.

Nel 1601, il trattato di Lione tra Enrico IV e Carlo Emanuele I di Savoia ricongiunge la Bresse al regno di Francia.
L’espansione continua nel XVIII secolo, e con la Rivoluzione industriale nel XIX secolo, la città di orna di palazzi sfarzosi, di un bell’ospedale maggiore, della Prefettura e di una Cassa di Risparmio; la ferrovia fa la sua comparsa nel 1856.

Bourg-en-Bresse, prefettura e città industriale (trafilatura, metallurgia e costruzione meccanica) conta oggi circa 42.000 abitanti e costituisce il motore di un’agglomerazione di 15 comuni.

Ah! Un’ultima cosa… Per un’ immersione, pronunciate Bourk-en-Bresse !

bastion-Quartiers anciens _credit SergeFonchin

Vue sur l'église de Notre-Dame à Bourg-en-BresseMaison Hugon à Bourg-en-Bresse Vue d'une montgolfière sur l'hôtel-Dieu de Bourg-en-Bresse

Saperne di più…

Visite guidate sono spesso organizzate (in francese): troverete le date nel nostro agenda. Visite in italiano possono essere programmate per gruppi a richiesta tutto l’anno.

Per chi vuole visitare al proprio ritmo, un libretto in italiano è disponibile al banco o scaricabile.